Intervista a Giuseppe Macauda - L'Astrolabio Online Magazine

L'ASTROLABIO ONLINE
Magazine di Arte Cultura Territorio Ambiente Società
Vai ai contenuti

Intervista a Giuseppe Macauda

Rubriche > Interviste e inchieste
Il protagonista dell’intervista di oggi è una delle prestigiose firme del nostro magazine online.
Nativo di Modica (RG), una delle perle del barocco siciliano (il Duomo di Modica è patrimonio dell’Unesco), ma anche città di una prelibatezza assoluta: il Cioccolato Modicano IGP.
Il personaggio che stiamo per intervistare è docente di Chimica e Scienze naturali al Liceo “G. Verga” della sua città. Innamorato della sua città, del territorio Ibleo, profondo conoscitore degli ecosistemi locali, nel 2007 ha pubblicato il libro “Patrimonio Naturalistico Ibleo” edito da EdiArgo.
Da sempre appassionato di poesia, ha ottenuto importanti riconoscimenti in tutta la penisola. Questo suo grande amore per la poesia ha fatto sì che l’Amministrazione Comunale di Modica lo insignisse dell’encomio pubblico e solenne per la “Capacità di esprimere in versi, con competenza e passione, la sua sensibilità e la sua modicanità”.
Da poche settimane è uscito il suo libro di poesie “Cromie” edito da Swanbook, una raccolta di poesie che sta ottenendo un ottimo impatto tra i lettori e importanti risultati nelle vendite.
Per farla breve stiamo parlando del Professor Giuseppe Macauda, poeta, naturalista e amico.
Sostieni L'Astrolabio Online
Dona con PayPal
un piccolo contributo
per noi è un grande tesoro
ci aiuterai a fare informazione
Giuseppe, la vita intensa e ricca di passioni diverse ma che ben si amalgamano fra loro, ruota attorno alla tua città. Cosa significa per te essere Modicano e chi è Giuseppe Macauda?

Nascere a Modica significa respirare ogni giorno il profumo della storia e dell’arte.
La Torre del Castello, dall’alto di uno sperone roccioso, ricorda gli antichi fasti della capitale della Contea.
Le chiese e i monumenti barocchi impreziosiscono il tessuto urbano e inondano il corso di bellezza pura.
Giuseppe Macauda è un modicano che ama la sua città e che dedica molto del suo tempo allo studio del patrimonio culturale e naturalistico della sua terra, rivolgendo particolare attenzione alle tradizioni popolari e ancora di più alla flora spontanea dell’altopiano modicano. Attualmente, grazie alla nomina della Giunta municipale, come membro del Consiglio di Biblioteca contribuisce attivamente all’ organizzazione di importanti eventi letterari e culturali.
Sei docente scolastico, poeta e profondo conoscitore del territorio Ibleo. Immaginando una classifica virtuale, come metteresti in ordine queste tue tre passioni?

Al primo posto c’è la scuola e la passione per l’insegnamento. Il mestiere di insegnante è il più bello del mondo. Mi ha permesso di rimanere per trenta anni “immerso” nella cultura, a contatto con i giovani nella fase di crescita più significativa ai fini della loro formazione umana e culturale.
Poesia e natura sono amori giovanili che si sono consolidati nel tempo. Sono due passioni che vivo in modo osmotico. Le mie poesie parlano delle bellezze naturali; l’altopiano ricamato dai muri a secco, i balconi barocchi, i profumi e i colori dei nostri prati polifiti sono a loro volta pura poesia.
Poesia e natura sono, per me, le due vie che possono condurci alla riconquista della “humanitas” perduta.
Cosa rappresenta per te l’insegnamento e il tuo rapporto con i giovani che accompagni nella strada del sapere?

Insegnare oggi significa guidare i giovani durante il loro percorso di formazione culturale, etica e sociale. Significa proporre i saperi che aprono il cuore e fornire loro gli strumenti logici per analizzare i vari aspetti della realtà e sviluppare il senso critico.
Penso che sia ancora molto valido ai giorni nostri quello che affermava Plutarco duemila anni fa: “gli studenti non sono vasi da riempire, ma fiaccole de accendere”.
Il mio rapporto con gli allievi è stato basato sulla stima e sul rispetto reciproco. Ho dedicato loro le mie migliori energie mentali e tutta la mia passione pedagogica. Non ho mai recitato il ruolo, ma ho portato fra i banchi i miei pregi e i miei difetti.
Alcune commoventi lettere di ringraziamento numerosi miei ex allievi, oggi affermati professionisti, rappresentano il più alto riconoscimento ricevuto nella mia vita sociale e professionale.
E la natura, la tua natura del ragusano: cos’ha di così coinvolgente e magico?

Le “cave” iblee, piccoli canyon fluviali scavati nella roccia calcarea, sono autentici scrigni in cui si conservano preziose nicchie ecologiche ricche di specie animali e vegetali tipiche della macchia mediterranea. Introdursi in questi luoghi serve a scoprire la diffusa presenza di piante aromatiche e officinali e, soprattutto, a sollecitare i sensi con colori irripetibili e odori inebrianti
Abbiamo, inoltre, un mare bellissimo. Le incantevoli baie, caratterizzate da un mare turchese con un fondale che degrada dolcemente verso il largo, presentano  formazioni dunali ricche di quella flora  che testimonia un basso impatto antropico.
Quando la poesia è entrata nella tua vita?
Io scrivo da molti anni. Nella prima fase scrivevo per me, spesso cercando nei versi una funzione quasi terapeutica. Trasformare le emozioni in versi aiuta a prendere coscienza delle proprie gioie e dei propri dolori.
In un secondo momento ho avvertito una sorta di imperativo categorico, che mi spingeva a fare emergere il grande valore del nostro paesaggio, delle tradizioni contadine e dei sapori del passato. Quel mondo antico che abbiamo sacrificato sui falsi altari degli oggetti digitali luccicanti.


Cromie” è uno scrigno di gemme poetiche, è il coronamento di un sogno, un desiderio realizzato o un punto di partenza?
E’ sicuramente il coronamento di un sogno. Da anni ricevo proposte di pubblicazioni a pagamento, ma ho sempre rifiutato perché considero pubblicazioni vere solo quelle che derivano da un riconoscimento editoriale. Swanbook, investendo sulla mia raccolta mi ha onorato e gratificato molto. “Cromie” è un punto di partenza, perché il confronto con gli scrittori di altre parti d’Italia è appassionante e stimolante, oltre che occasione di crescita in termini stilistici, culturali e umani. Ho ancora tanta voglia di scrivere e di migliorarmi.
Cosa può scoprire il lettore in questo libro?

Nella silloge ci sono, prima di tutto, le emozioni forti che ci accomunano. Le emozioni che suscitano i luoghi del cuore, le opere degli uomini del passato e gli affetti puri.
C’è, poi, il tentativo di proporre ai lettori una riflessione sull’antropocentrismo, volta alla riscoperta dell’importanza della salvaguardia degli equilibri naturali.
Giuseppe a Roma con la scrittrice e giornalista radiofica e televisiva Cinzia Tani
Se volete saperne di più sul libro "Cromie" e qualcos'altro su Giuseppe Macauda cliccate qui
L'Astrolabio di Swanbook
Redazione: Desenzano del Garda
Contattaci:
redazione@lastrolabio.swanbook.eu
Torna ai contenuti