Intervista a Lorenzo Ugolini - L'Astrolabio Online Magazine

L'ASTROLABIO ONLINE
Magazine di Arte Cultura Territorio Ambiente Società
Vai ai contenuti

Intervista a Lorenzo Ugolini

Rubriche > Interviste e inchieste
LORENZO UGOLINI: POETA PER CASO, O FORSE NO!

Lorenzo Ugolini artista a tutto tondo, gardesano, nativo di Lonato del Garda, legato affettivamente a Pozzolengo e innamorato pazzo del suo lago di Garda e del suo entroterra, dove vive e dove trova l’ispirazione per tutti i suoi hobbies artistici.
È stato una figura importante negli ambienti industriali, un tecnico esperto che ha collaborato con importanti aziende italiane e spesso inviato all’estero per coordinare l’attività in nuovi insediamenti produttivi.
Ora si gode la giusta e meritata pensione, ma Lorenzo non ci sta non fare niente, a starsene con le mani in mano, non è abituato.
Ma per fortuna il suo essere uomo pieno di vitalità e creatività lo porta, o forse lo costringe, a rimboccarsi nuovamente le maniche per dedicarsi alle sue passioni, vecchie o nuove che siano: Poesia, fotografia, pittura e bonsai.
Ma adesso dobbiamo cercare di conoscere meglio Lorenzo, e il modo migliore che conosciamo è farlo attraverso le risposte che darà alle nostre domande.
La Spiaggia D'Oro di Desenzano ai giorni nostri
Una vita dedicata al lavoro e alla famiglia. Sei gardesano Doc, ami il tuo lago e il territorio delle tue radici. Per quanto ora vivi poco distante dal lago, il tuo mondo è sempre il Garda è ciò che lo circonda. Cosa significa essere gardesano?

Cosa significa essere gardesano: per me significa ricordare i miei luoghi natii, i ricordi ormai lontani di quando ero bambino e mio padre mi portava al lago a fare il bagno alla 'Spiaggia d’Oro' di Desenzano, quando tutto intorno era solo natura.  Significa ogni volta che torno in quei posti sentire un palpito di cuore che mi fa ricordare la mia infanzia felice. Potrei essere in capo al mondo ma le mie radici sono sempre qui sul Garda ad aspettarmi.
Sostieni L'Astrolabio Online
Dona con PayPal
un piccolo contributo
per noi è un grande tesoro
ci aiuterai a fare informazione
Tu hai molti amori e molte passioni, ovviamente la famiglia sarà in cima a tutto. Poi arrivano poesia, fotografia, pittura e bonsai: come sono entrare nella tua vita?

Si la famiglia ha contato molto per me, ha gettato le basi buone del mio percorso di vita, nel lavoro, negli affetti, e nell’amore.
La pittura, i bonsai, sono gli hobbies che sin da giovane avevo dentro di me, ancor oggi fanno parte delle mie passioni, insieme alla fotografia, arrivata negli anni dell’età matura, è stata ed è in buona parte ispiratrice delle mie poesie. Questi miei interessi hanno percorso parallelamente la mia vita lavorativa fatta di pragmatismo tecnologico.
Un bonsai di Lorenzo
Cosa hanno che le accomuna o che le rende distanti fra loro queste tue passioni?

Penso che siano strettamente collegate una all’altra; il filo conduttore è la NATURA, mi riferisco ai bonsai, alla pittura e alla fotografia.
Diciamo che la poesia pur essendo legata alla natura, si differenzia quasi obbligatoriamente, Essa spazia in modo universale da dentro i cuori allo spazio infinito.
La poesia ti ha regalato numerose soddisfazioni. Ma, prima di tutto, cos’è per te la poesia?

Si è vero la poesia mi ha dato e mi sta dando molte soddisfazioni, anche tramite riconoscimenti insperati.
Penso che ognuno abbia della Poesia una sua visione, io la ritengo l’essenza dello spirito e delle sensazioni interiori che tutti noi abbiamo e che tramite la poesia si possano manifestare tutti i bisogni che abbiamo e che sentiamo di esprimere al mondo che ci circonda.
Che cosa occorre per diventare un poeta?

Io credo di non saperlo cosa occorra, di certo importantissimo è allenare la mente alla lettura, qualsiasi lettura. Ma poi la poesia deve scaturire da dentro di noi ed uscire dirompente creando emozioni in chi legge. Penso che questo non possa essere trasmesso con l’insegnamento, ma solo dalle sensazioni, dalle emozioni e sofferenze che provengono dall’animo di chi scrive.

A tuo avviso perché siamo più un paese di poeti che non di lettori?

Chissà: forse perché che siano troppi i cosiddetti poeti?
Hai pubblicato due raccolte di poesie, entrambe edite da Swanbook Ed. Il primo è “Dalla nostalgia alla speranza” del 2018, che cosa rappresenta per una persona che scrive pubblicare un libro e che cosa può scoprire il lettore in questo libro?

Per me ha significato raggiungere un obbiettivo che mi ero prefisso, di mettere alla prova me stesso, presentando a un mondo sconosciuto il mio io interiore gelosamente custodito.
Il lettore può scoprire nuove e semplici emozioni, scoprire che nell’animo umano c’è ancora amore e tenerezza.
Più o meno un anno dopo è uscito “Nei vicoli del cuore”. Secondo libro, seconda emozione immagino. Una seconda raccolta di poesie: è un proseguimento del viaggio iniziato col primo libro oppure un cambio di rotta?

Anche il secondo libro è stato per me un momento emozionante, pur mantenendo il filo conduttore con la natura, credo di aver fatto un passo nuovo che ha portato a far ragionare maggiormente i sentimenti e nello stesso tempo le brutture che pervadono questo nostro mondo. Insomma, ho cercato di rendere meglio visibile il mio io svelandomi maggiormente ai miei lettori. Non da ultimo sono felice per il riconoscimento ricevuto come libro edito; il premio della giuria in un concorso nazionale importante.
Scuola, librai, media, editori, poeti: di chi è la responsabilità se la poesia si legge così poco?

Ritengo siano responsabilità collettive, ognuno ha una sua parte di responsabilità partendo dalla scuola, dalla cultura di base. E poi gli editori magari potrebbero selezioni più accurate, tenendo in maggiore considerazione talenti sconosciuti ed emergenti.



Cosa occorrerebbe fare per appassionare alla poesia?

Più cultura di base, e poi il teatro dovrebbe dare maggior spazio alla poesia, abbinando letture e musiche a spettacoli di vario genere. Non solo poetici.
Un dipinto di Lorenzo
In futuro si leggerà più o meno poesia?

Sono incerto sul futuro mi auguro che la cultura in generale sappia riconoscere l’importanza della poesia nella vita culturale dell’uomo incentivando certe letture e affiancando la poesia alla prosa e al teatro.
Per chiudere l’intervista, ci regali qualche tuo verso amato, (non necessariamente uno dei tuoi)?

Ti allego una cosa che ho scritto di getto proprio oggi, la allego così come mi è venuta.
Penso che sia questa la poesia più genuina che ci possa essere, quella che viene dall’animo.

FRAMMENTI.

Sospesi sull’anima,
i pensieri s’allontanano col vento.
Portano con sé la nostalgia
del passato e i ricordi lontani
rimasti latenti nel cuore.
Frammenti irriducibili
della mia essenza,
come schegge incontrollabili,
rimangono e percorrono senza fine
la strada della mia vita.
S’immergono nel profondo
del mio essere,
germogliano ancora sogni
e percorrono l’anima desta
assetata d’amore.
Naturalmente ci auguriamo tutti quanti di poterti incontrare per le presentazioni dei tuoi libri, purtroppo questi mesi di emergenza sanitaria hanno reso impossibili tutte le iniziative di coinvolgimento sociale.

Ora speriamo che nei prossimi mesi la poesia possa tornare ad essere toccata con mano e guardata negli occhi in presentazioni di libri o reading poetici.


Per chi volesse acquistare i libri di Lorenzo Ugolini può cliccare sul titolo del libro:


L'Astrolabio di Swanbook
Redazione: Desenzano del Garda
Contattaci:
redazione@lastrolabio.swanbook.eu
Torna ai contenuti