La depressione: impariamo a riconoscerla - L'Astrolabio Online Magazine

L'ASTROLABIO ONLINE
Magazine di Arte Cultura Territorio Ambiente Società
Vai ai contenuti

La depressione: impariamo a riconoscerla

Rubriche > Francesca e dintorni > Archivio
LA DEPRESSIONE: IMPARIAMO A RICONOSCERLA

Viene anche definita il mare oscuro e risulta essere molto invalidante per chi ne soffre. Ne parliamo con il Dottor Nello Di Micco, curatore di diverse rubriche radiofoniche, televisive e su magazine nazionali in qualità di psicologo, oltre che autore del libro “IL TORMENTO DELLE DONNE PER LE INSIDIE DELL’UOMO VIOLENTO”.

La nuova intervista della nostra Francesca Ghezzani affonta un tema di grande attualità.
Dottore, che cosa si intende a livello clinico per soggetto depresso?
Premetto che non sono d’accordo nell’etichettare diagnosticamente un soggetto, perché ognuno è autentico. Diciamo che un soggetto cosiddetto depresso ė una persona che in un particolare momento della sua esistenza sta passando una situazione di malinconia, la sua vita è buia, non vede via di uscita, vive un malessere soggettivo.

In che cosa si distingue da altri disturbi dell’umore?
Il mal di vivere come viene chiamato nei nostri giorni è caratterizzato da una sensazione di vuoto, il soggetto si trova così a vivere un’angoscia profonda che si riversa non solo su se stesso ma anche in altri contesti come quello relazionale, sociale.
Per rispondere alla sua domanda, per me non esistono disturbi mentali, bensì persone che hanno un modo autentico di funzionare; sono contro le diagnosi di categoria perché non rispettano la singolarità di un soggetto, alle persone viene appioppata una diagnosi a seguito di segni e sintomi e si finisce con il sostenere che “un soggetto che presenta n segni e x sintomi ha y disturbo. Dal mio punto di vista ci sono persone che presentano un malessere.
Sostieni L'Astrolabio
Dona con PayPal
un piccolo contributo
per noi è un grande tesoro
ci aiuterai a fare informazione
Quale incidenza ha in termini di sesso e età?
Il mal di vivere si presenta un po’ in tutte le fasce perché è solo l’effetto visibile di diverse situazioni e vissuti che la persona si è trovata a vivere nel corso della sua esistenza.

Il trend è in aumento o se ne parla semplicemente di più?
Dal mio punto di vista il trend è in aumento. Da qualche anno a questa parte se ne parla sì di più, ma non si dice tutto: infatti i suicidi stanno aumentando e ciò dimostra che tante sono le persone che soffrono in silenzio, solitudine, anche se le vediamo nella società con finti sorrisi stampati sui volti. Del resto, ormai viviamo in una società dove è importante più l’apparire che l’essere.
Quali sono i sintomi e i segnali che permettano di diagnosticarla?
Ho difficoltà a rispondere a questa domanda perché non seguo i criteri da manuale. Io, per capire il malessere, ascolto il paziente, un ascolto attento tramite il quale cerco di individuare le informazioni significative che hanno innescato il malessere soggettivo.

Come se ne può uscire?
Il primo passo è essere consapevoli di avere una difficoltà, è necessario chiedere aiuto a un clinico, uno psicologo, uno psicoterapeuta, il quale aiuterà il soggetto a mettere in parola il proprio malessere perché, attraverso la parola, possiamo liberarci proprio dei vissuti che ci ingannano e ci fanno stare male.
L'Astrolabio di Swanbook
Redazione: Desenzano del Garda
Contattaci:
redazione@lastrolabio.swanbook.eu
Torna ai contenuti