Viaggio in Cilento (di Fausto Scatoli) - L'Astrolabio Online Magazine

L'ASTROLABIO ONLINE
Magazine di Arte Cultura Territorio Ambiente Società
Vai ai contenuti

Viaggio in Cilento (di Fausto Scatoli)

Rubriche > Itinerari e luoghi e altro
11 luglio 2022

VACANZA IN CILENTO
di Fausto Scatoli

Una nuova firma arriva per la prima volta sulle pagine del nostro magazine: Fausto Scatoli, che ci propone il resoconto di una sua breve vacanza nel Cilento, dove le bellezze del mare si abbracciano alla sotria.
Fausto presto avrà una sua raccolta di poesie pubblicata da Swanbook Edizioni così potrete conoscerlo meglio anche come scrittore e poeta, non solo come viaggiatore, per quanto la scrittura è pur sempre il grande viaggio del pensiero.
Sostieni L'Astrolabio Online
Dona con PayPal
un piccolo contributo
per noi è un grande tesoro
ci aiuterai a fare informazione
Estate si abbina con vacanza e, spesso, con mare. A me e alla mia famiglia piace cambiare destinazione per visitare luoghi sempre nuovi per noi del “Bel Paese Italico”.
Quindi quest’anno la scelta è caduta sul Cilento, le cui acque sono da anni bandiera blu.
Ma oltre a frequentare la bella spiaggia di Acciaroli, pulitissima e lambita da un mare limpido e pieno di vita, abbiamo girovagato un poco nei dintorni e visitato alcuni borghi antichi e ricchi di grnadissima storia e cultura.
Porto di Agropoli
Il primo di questi borghi è stato Agropoli.
Anzi, Acropolis, antica roccaforte greca situata sulla cima del promontorio da cui si dominano le vallate sottostanti e l’accesso al porto.
Dopo aver parcheggiato nella città nuova, ci siamo diretti verso la scalinata, veri e propri gradoni, che conduce alla porta d’accesso. È un’ascesa impegnativa, ma la salita è attenuata da numerosi punti panoramici che ripagano lo sforzo e la fatica. Osservare da lassù il mare e il golfo nel quale è stato realizzato il porto, incastonato fra strapiombi e vegetazione ricca, è stupendo.
Entrati nel centro storico ci siamo inoltrati nelle strette viuzze, sempre a gradini, fino ad arrivare al castello, ristrutturato dagli Aragonesi nel XV secolo.
Purtroppo lo troviamo chiuso a causa di un evento privato e lo possiamo godere delle sua bellezza solo dall’esterno. Pazienza.
Dopo aver girato per piazzette e vicoli che si animano soprattutto la sera, decidiamo di ridiscendere verso la città nuova, scoprendo una scalinata che conduce fino al porto, stretta e seminascosta.
Castello di Acropolis
Porta di Acropolis
Paestum
Lasciamo Agropoli per dirigerci alla nostra nuova meta: Paestum, le cui rovine sono visitate da milioni di turisti. Anticamente era conosciuta anche come Poseidonia.
Le su rovine sono davvero una meraviglia, ancora oggi segno dell’immensa e incredibile civiltà che riempiva di vita e di fasto quei luoghi.
Non siamo fortunati, anche qui sbagliamo giorno, ma perché troviamo un caos indescrivibile. Un’incredibile fiumana di giovani che arrivano da tutte le parti d’Italia per assistere al concerto di Blanco. Beh, almeno possiamo dire che la gioventù è presente a Paestum, sia pure per motivi diversi.
Riusciamo comunque a vedere alcuni templi, come quelli di Nettuno ed Era, l’anfiteatro, la piscina.
Lasciamo le vestigia del passato con la promessa di tornare a rivisitarle in un’altra occasione.
Tempio di Era
Un altro magnifico borgo che abbiamo visitato è quello di Castellabate.
Dopo una breve salita a piedi ci si trova su quello che viene chiamato “Belvedere di San Costabile”, un piazzale da cui si domina tutta l’area sottostante. Il piazzale è adiacente al castello fatto costruire dall’abate Costabile e dal suo successore. E’ utilizzato per eventi di vario genere, soprattutto letterari. Nel giorno della nostra visita, ad esempio, c’era la fiera degli editori del Sud.
Attorno al castello sorge il borgo medievale, in un intreccio di vicoli e stradine a gradini, viuzze nascoste sulle quali si aprono all’improvviso dei varchi che si portano a piazzette e spettacolari punti panoramici.
Panorama del belvedere di Castellabate
Sebbene tutto il Cilento e il suo parco siano una delizia per gli occhi, luoghi ameni da godersi, bella gente, mare fantastico… ma vogliamo dimenticare le mozzarelle di bufala, i vini e i salumi cilentani?
L'Astrolabio di Swanbook
Redazione: Desenzano del Garda
Contattaci:
redazione@lastrolabio.swanbook.eu
Torna ai contenuti