Il mondo della scuola: tra confronti e speranze - L'Astrolabio Online Magazine

L'ASTROLABIO ONLINE
Magazine di Arte Cultura Territorio Ambiente Società
Vai ai contenuti

Il mondo della scuola: tra confronti e speranze

Rubriche > Scuola di Franco Fabris
Siamo, ormai, agli sgoccioli dell’anno scolastico 2019/2020, un anno che entrerà di diritto nei ricordi di studenti, docenti e famiglie.
La scuola chiuderà i battenti, così come li ha chiusi da fine febbraio, con la didattica a distanza che la fa da padrone. Si prospettano, dunque, gli ultimissimi giorni di lezione a distanza, riunioni collegiali e scrutini da remoto e solamente gli esami di stato in presenza con tanto di distanziamento e mascherine.
Di solito, quando si chiude un anno, che sia scolastico o sportivo si tirano le somme, cosa che per quanto riguarda la scuola non si sta facendo poiché si sta già pensando, da qualche mese, a come si ripartirà a settembre. In poche parole la preoccupazione non è tanto per la chiusura di quest’anno scolastico, ma per la riapertura del prossimo. E qui partono già le prime prese di posizione.
Da una parte c’è chi difende le proprie decisioni, il Ministro dell’istruzione Lucia Azzolina, la quale sostiene che la didattica a distanza, non sostitutiva delle lezioni in classe, sia, comunque, una valida alternativa a quella in presenza e che non bisogna aver paura delle lezioni a casa poiché il digitale è reale, è la lingua dei ragazzi. Dall’altra sindacati, partiti, filosofi, in primis Massimo Cacciari, ex sindaco di Venezia, sostengono che la didattica a distanza non possa essere il futuro della scuola perché nessun tablet o computer può sostituire il rapporto diretto con gli insegnanti e la socialità che la scuola offre.
Dando uno sguardo fuori confine ci si accorge che in Danimarca le scuole hanno riaperto già ad aprile con un numero massimo di 12 studenti per classe e il distanziamento di, almeno, due metri tra studenti. In Germania le scuole hanno riaperto gradualmente dal 27 aprile, giorno in cui sono rientrati in classe i ragazzi che devono sostenere gli esami. In Francia le scuole hanno riaperto, ma subito chiuso per un aumento dei nuovi contagi da Covid 19 anche tra gli studenti. In Italia, lo si intravedeva già da marzo, tutto è stato spostato a settembre confidando, non tanto nel generale inverno, più volte decisivo nella storia, ma nel solleone estivo che potrebbe debellare, parzialmente, il virus.
Che sia diventata una questione, quasi esclusivamente, stagionale lo dicono anche gli esperti che parlano già ora di una ripresa del virus in autunno. E allora, nonostante gli interventi degli accademici, dei segretari delle principali sigle sindacali, nonostante i confronti che continueranno ad esserci anche per tutta l’estate, solo a fine agosto sapremo con certezza, in base alla curva dei contagi, se si potrà tornare nuovamente tra i banchi, cosa che si augurano tutti: studenti, docenti e famiglie.
L'Astrolabio di Swanbook
Redazione: Desenzano del Garda
Contattaci:
redazione@lastrolabio.swanbook.eu
Torna ai contenuti