Scuola: si ricomincia, finalmente - L'Astrolabio Online Magazine

L'ASTROLABIO ONLINE
Magazine di Arte Cultura Territorio Ambiente Società
Vai ai contenuti

Scuola: si ricomincia, finalmente

Rubriche > Scuola di Franco Fabris
RIAPRONO LE SCUOLE
Eccosi a Settembre che è, da sempre, il mese che segna contemporaneamente la fine di un periodo e l’inizio di un altro.
Il riferimento è chiaro al termine delle vacanze estive e alla ripresa del lavoro, con la riapertura delle scuole, tanto attesa quest’anno.
Dopo quasi sette mesi gli studenti italiani e gli insegnanti di qualsiasi ordine e grado tornano nelle aule per dare il via ad un anno scolastico che, sulla carta, si presenta ricco di speranze, ma anche di timori. La speranza, da parte di tutti i soggetti che gravitano attorno alla scuola, è quella di trascorrere un anno sereno cercando di contenere il più possibile i casi di contagio da Covid-19 in modo tale da non incorrere in una chiusura parziale, ovvero solo di alcune classi, oppure, nel peggiore delle ipotesi, totale.
Il timore è, infatti, proprio quello di ripiombare nuovamente nella situazione di inizio marzo quando le scuole sono state chiuse per poi non essere più riaperte, se non per permettere agli studenti maturandi di sostenere il colloquio orale dell’esame di maturità. L’estate trascorsa nelle scuole italiane è stata decisamente calda, non solo per il clima che, ancora in questi giorni, sta regalando giornate estive. Moltissime scuole sono state sottoposte a lavori di ristrutturazione che sono durati fino alla soglia dell’apertura dell’anno scolastico e, in alcuni casi, stanno continuando ancora. L’approvvigionamento delle mascherine, giunte comunque in extremis, l’arrivo dei nuovi banchi, i protocolli messi in atto a livello nazionale e regionale hanno caratterizzato le ultime settimane che hanno preceduto la riapertura delle scuole. Il braccio di ferro tra il Ministro dell’istruzione Lucia Azzolina e i presidenti di regione, con il sostegno dei sindacati, è, ormai, all’ordine del giorno visto che le perplessità sul rientro a scuola in sicurezza, manifestate dalle sigle sindacali, vanno a cozzare con l’importanza del tornare a scuola sapendo che è un anno straordinario” annunciato dal Ministro dell’istruzione.
A rendere ancora più acceso il dibattito tra le parti vi è l’annosa questione delle assunzioni degli insegnanti. Circa 22 mila saranno i docenti assunti, a cui si aggiungeranno i supplenti annuali individuati nelle graduatorie provinciali uscite ad inizio settembre. Figura nuova e rilevante sarà, in ogni istituto, quella del responsabile Covid che avrà il ruolo di tenere i contatti con la famiglia, nel caso di un alunno con sintomi riconducibili all’infezione, e con l’asl di riferimento. Mai come in quest’anno scolastico sarà fondamentale la piena collaborazione di tutti i soggetti che gravitano attorno alla scuola: docenti, alunni, famiglie e anche personale medico di riferimento. Solo con una sinergia di intenti si potrà cercare di far fronte al Coronavirus in attesa, speriamo il prima possibile, del vaccino.

Sostieni L'Astrolabio
Dona con PayPal
un piccolo contributo
per noi è un grande tesoro
ci aiuterai a fare informazione
L'Astrolabio di Swanbook
Redazione: Desenzano del Garda
Contattaci:
redazione@lastrolabio.swanbook.eu
Torna ai contenuti