Zucchero e rischio cardiovascolare - L'Astrolabio Online Magazine

L'ASTROLABIO ONLINE
Magazine di Arte Cultura Territorio Ambiente Società
Vai ai contenuti

Zucchero e rischio cardiovascolare

Rubriche > Zona Rea a cura del Dr. Antonio Rea
01/06/2020

Cuore e bevande zuccherate: una bibita al giorno aumenta il rischio cardiovascolare per le donne. I risultati di un grande studio californiano.
E’ sufficiente una sola bevanda zuccherata al giorno per aumentare in modo significativo il rischio di avere una malattia cardiovascolare, di dover ricorrere a un’angioplastica o di andare incontro a un ictus. Lo dimostra uno studio imponente iniziato nel 1995 e condotto dai ricercatori dell’Università di San Diego, in California La ricerca ha coinvolto oltre 106 mila donne ed è apparsa sul Journal of the American Heart Association.
Sostieni L'Astrolabio
Dona con PayPal
un piccolo contributo
per noi è un grande tesoro
ci aiuterai a fare informazione
L’analisi dei dati ha evidenziato che i soggetti abituati a consumare almeno una bevanda zuccherata al giorno (cioè acqua aromatizzata, tè, succhi con zuccheri aggiunti e bibite gassate), aveva avuto in media il 26% in più di interventi di angioplastica o altre procedure di rivascolarizzazione, e il 21% in più di ictus rispetto alle donne che non ne bevevano, se non saltuariamente. Sono emerse poi anche differenze in relazione al tipo di bibita preferita. I succhi di frutta zuccherati sono risultati i peggiori, con un 42% in più di malattie cardiovascolari tra le bevitrici regolari, contro il 23% delle cosiddette soda, cioè le bevande zuccherate e gassate. In generale, poi, le donne più affezionate allo “zucchero liquido” erano le più giovani, che erano anche quelle più spesso obese, fumatrici e abituate ad avere una dieta poco sana.
Gli autori ricordano che lo zucchero fa aumentare l’insulina in circolo e questo stimola l’appetito, facilitando l’assunzione di calorie in eccesso e, di conseguenza, il rischio di sovrappeso e obesità, fattori di rischio ben noti per queste patologie. Inoltre livelli elevati di zuccheri circolanti causano infiammazione, stress ossidativo e resistenza all’insulina, condizioni strettamente legate all’aterosclerosi.
L’American Heart Association consiglia di non superare un quantitativo giornaliero di zuccheri pari a 100 calorie (6 cucchiaini da tè o 25 grammi) se si è donne e 150 se si è uomini (9 cucchiaini da tè o 38 grammi): una lattina di una normale bevanda zuccherata americana da 350 ml ne contiene 130, cioè 34 grammi di zucchero.
L'Astrolabio di Swanbook
Redazione: Desenzano del Garda
Contattaci:
redazione@lastrolabio.swanbook.eu
Torna ai contenuti